Mostre di oggetti antichi

Gli appassionati di antichità sono sempre alla ricerca di tesori nuovi e preziosi.  Per andare incontro alle esigenze di questo nutrito e colto pubblico, le mostre continuano ad essere un ottimo strumento.

L’allestimento è una parte davvero fondamentale dell’esposizione perché, al di là dell’intrinseca bellezza dell’oggetto, permette allo spettatore di entrare davvero in contatto con il background del pezzo adocchiato.

Gli oggetti possono essere suddivisi in molti modi. Gli esempi più comuni sono la divisione per categoria oppure per quella per periodo storico di appartenenza.

Negli ultimi anni sta prendendo piede anche la tendenza delle collezioni. Le mostre di oggetti antichi vengono presentate come vezzo di collezionisti che mostrano il loro gusto e la loro capacità di accaparrarsi opere d’arte.

Gli arredi antichi

Tra gli oggetti antichi più ricercati ci sono sicuramente gli arredi.  Provenienti da palazzi nobiliari o ereditati da generazioni, tavoli, armadi e credenze sono tra i pezzi più richiesti agli antiquari.

Gli stili spaziano dall’arte povera fino alle pompose e molto decorate creazioni francesi Luigi XV.

Possono essere sia mobili da interno che da esterno. Questi ultimi soprattutto in stile liberty,  caratterizzati dall’uso di ferro battuto per la loro realizzazione. Le mostre di oggetti antichi dedicate  all’arredo propongono spesso ricercate soluzioni originali e complete, come le camere da letto composte di comò e comodini da affiancare a letto e armadio.

Il contesto giusto per le antichità

Partecipare alle mostre di oggetti antichi evidenzia come questi possano ben adattarsi a qualunque tipo di arredo presente nella propria abitazione. Un’anfora in bronzo con chiari richiami all’epoca greca si adatta benissimo anche  ad una libreria ultra moderna di design.

Gli oggetti antichi infatti non necessitano per forza di una cornice totalmente in linea con il periodo della loro realizzazione, è sufficiente accostare tutto con molto gusto.